Chi l’avrebbe mai detto!

Lo leggi in: 3 minuti

Correva l’anno 1979…….. In quel periodo si moltiplicavano iniziative volte alla nascita di emittenti radiofoniche, cosiddette, libere o commerciali. Radio Evangelo Bari, nasce ufficialmente, nei primi giorni del mese di Gennaio dell’anno 1979, senza alcuna finalità di lucro, senza finanziatori o sponsor, alimentata esclusivamente dalla passione per la divulgazione del Vangelo, sentita dai cristiani evangelici della locale comunità Assemblee di Dio in Italia.

Studio Radio

Radio Evangelo Bari è sostenuta dall’ impegno costante e dalle offerte economiche,  volontarie, dei membri della Chiesa Cristiana Evangelica di Bari, via F.lli Rosselli, 12.

L’iniziativa, nasce da un intenso desiderio di diffondere il Messaggio della Parola della vita, avvertito da  coloro che, in quel periodo, facevano parte della  Comunità Cristiana Evangelica, aderente alle Assemblee di Dio in Italia, che, allora, si riunivano in un locale situato in  Via Eraclide al rione Japigia in Bari.

Bisogna dire, però, che le prime esperienze radiofoniche  risalgono all’anno precedente, quando lo stesso gruppo di credenti si recava presso una emittente commerciale che, a titolo praticamente gratuito, metteva  a disposizione uno studio ed anche l’assistenza di un conduttore.

Il programma che veniva trasmesso, che conserva, ancora intatta, la sua vitalità e freschezza, era intitolato:  Cristiani Oggi; aveva una durata nell’edizione del sabato di ben sessanta minuti.

Di quel periodo e di quel lavoro iniziale, abbiamo tracce praticamente indelebili nella nostra memoria.

Ricordiamo le sigle musicali, ma anche tutti i diversi collaboratori e collaboratrici, impegnati in vari ruoli.

Possiamo dire che, praticamente, tutti i membri della comunità  partecipavano attivamente a quella nuova ed entusiasmante iniziativa, comprese le nostre sorelle anziane che la sostenevano in preghiera.

Fra tutti, ricordiamo il caro fratello Marinelli Giuseppe, che ora non è più con noi, e che, all’epoca, era il pastore della Comunità Cristiana Evangelica che ha iniziato questa opera di divulgazione dell’evangelo attraverso il mezzo radiofonico.

In particolare ci è rimasto il ricordo della sua partecipazione anche nello stimolare tutti coloro che potevano collaborare a questo nuovo (allora sì, era una grossa novità!) mezzo di comunicazione.

Sarebbe stato certamente contento nel vedere questo salto di Radio Evangelo nella rete internet!

Pensiamo questo perchè, quando, tempo addietro, pareva che la tecnonologia da seguire, per sviluppare il bacino di utenza e raggiungere luoghi lontani dal nostro punto di emissione, potesse essere quella della trasmissione attraverso una piattaforma satellitare, il fratello Marinelli era fortemente interessato, cogliendo ogni opportunità per promuovere e sollecitare questo sviluppo.

Oggi questa specie di sogno pare realizzarsi attraverso la rete internet che ci consente di raggiungere tutte le parti di questo pianeta dove è possibile un collegamento con Internet.

E’ la conferma che anche i sogni, quando vi sono persone che si impegnano, prima o poi, si realizzano.

Non possiamo nemmeno dimenticare i primi programmi in diretta, le prime trasmissioni registrate in uno studio improvvisato in casa di credenti, l’emozione, la gioia e l’entusiasmo che riviviamo tutte le volte che ci capita di riascoltare qualcuna delle registrazioni effettuate in quel periodo.

IL traliccio

Come potremmo dimenticare le difficoltà incontrate per la posa in opera della prima antenna di trasmissione su un traliccio realizzato artigianalmente; era  pesantissimo, tanto che non riuscimmo ad innalzarlo al primo tentativo e dovemmo fare ricorso ad un mezzo di sollevamento per il suo tiro in sito.

Quanto lavoro! Quante difficoltà!

Ora diciamo, grazie a Dio, per questo nuovo ponte di collegamento tra noi…pochi dal punto di vista numerico, con modeste capacità, poca esperienza e… tutti voi, che potrete beneficiare di questo lavoro a cui, indegnamente, abbiamo l’onore di partecipare.

Il nostro auspicio è che, in vista dell’imminente ritorno del Signore, atteso con trepidazione da  tutti i cristiani, ma anche, considerando l’urgenza di testimoniare ad un mondo, che va alla deriva in tutti i sensi… molti giovani credenti si lascino attrarre da questo entusiasmante lavoro, che, se ci ha tolto, in tutti questi anni trascorsi,  qualcosa, in termini di tempo libero e di riposo,  ci ha ampiamente ricompensato con grandi gioie e benedizioni spirituali nel constatare che è il Signore a portare avanti la sua opera.

Antonio Deliso

Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *